26 Settembre 2020

anche a crespina piogge abbondanti....di libri!

07-11-2015 10:17 - Scuola Secondaria di Crespina
Caro figlio, vorrei, leggerti..." Giornata di lettura alla Scuola Media di Crespina Sabato 31 ottobre alle ore 9.00, presso la Scuola Media Statale "Ersilio Cozzi" si è tenuto la terza edizione di "Caro figlio, vorrei leggerti...." nell´ambito della manifestazione ´´ A ottobre piovono libri ´´, iniziativa di promozione della lettura. Genitori e nonni hanno letto e raccontato per più di due ore davanti ai ragazzi attenti ed emozionati. Il primo genitore ha raccontato la singolare storia del Dottor Eusebio Valli, che nel settecento fu un precursore del vaccino, testandolo sul proprio corpo e trovando la morte per questo. Il secondo racconto ha visto protagonista un nonno ,il quale ha ricordato un episodio della vita del padre,dipendente Enel, che, dopo un guasto importante alla linea elettrica e avendo ammesso la propria responsabilità davanti ad un superiore, venne premiato con una promozione proprio per questa assunzione di responsabilità. Poi è stata la volta di una storia che è piaciuta moltissimo ai ragazzi: " Nel mare ci sono i coccodrilli". E´ una storia vera molto interessante, che racconta di una mamma, che per il bene del figlio, lo convince prima a nascondersi e poi a fuggire via dal proprio paese. Il figlio si ritrova solo e passa l´ infanzia fuggendo da una nazione all´altra e così,a soli undici anni, deve affrontare il mondo e il lavoro. Dopo tanto fuggire, arriva in Italia dove con una telefonata riesce a mettersi in contatto con la madre in Afganistan. Quando la lettrice è arrivata al punto del libro dove i racconta della telefonata tra il bambino e la mamma, quando il protagonista pronuncia la parola "mamma", tutti i presenti (ragazzi, genitori e prof.) si sono visibilmente commossi, pensando a quel bambino che aveva passato la propria infanzia lontano dall´affetto della mamma, e a quanto e quante volte doveva aver desiderato di sentire la voce di lei. ´´Mamma di pancia, mamma di cuore´´ è una storia di adozioni letta da una mamma che ha vissuto questa esperienza personalmente adottando due bambini. Leggendo questo racconto, ha spiegato che non esiste differenza fra "una mamma di pancia", che è colei che mette al mondo un bambino e una mamma adottiva, che è una mamma di cuore, colei che lo cresce con tanto amore. Il romanzo ti fa capire che quando una mamma di pancia arriva a dare in adozione un bambino lo fa perché gli vuole bene e pensa che stia bene con un´altra mamma, la quale lo amerà con tutta se stessa ed è per questo che si chiama "mamma di cuore". Nel finale la bambina vuole scrivere una lettera alla mamma di pancia, ma non avendo l´indirizzo ,la mamma di cuore la invita a mettere la lettera in una bottiglia e affidarla al mare. I ragazzi, nell´ascoltare questa storia, si sono emozionati molto e hanno fatto molte domande alla signora che ha letto, la quale, nonostante la commozione, ha risposto con tanta gentilezza. E´ seguita la lettura di " Cosa ti manca per essere felice",che è la storia di una ragazza senza le braccia. La protagonista è diventata ambasciatrice della danza, la sua grande passione, e ha aperto le recenti Olimpiadi. La vita di questa persona dimostra che si può riuscire ad accettarsi, continuando a sognare con tenacia per realizzare il proprio sogno. Non è mancato l´angolo poetico : una poesia su uno scolaro , una sul mare e una sulla pioggia , nella quale un contadino gioisce mentre i bambini sono tristi . Verso la fine, è stata la volta di un racconto legato al passato, alla gentilezza di un uomo semplice che molti anni fa aggiustava le brocche ai contadini della nostra zona. Era tanto gentile che chiedeva pochi soldi per il prezioso lavoro fatto e quando morì, i vicini trovarono nella sua casa un milione di lire e una bicicletta da corsa nuovissima. Dopo è stata la volta del signor Piero Arrighi, un signore di novantaquattro anni che ha sempre vissuto a Crespina e meglio di lui nessuno può raccontare la storia del nostro paese. E´ arrivato con la sua sedia a rotelle, accompagnato dalla figlia che ha raccontato la sua biografia. Sebbene avanti negli anni, Il signor Piero Arrighi ha deciso di scrivere un libro nel quale racconta la storia di Crespina da quando lui è nato, inserendo aneddoti sulle vecchie credenze e fatti raccontati con un tocco di suspence. Alla fine ci ha regalato una copia del suo libro, che si intitola" I figli degli ultimi´´, con una dedica e noi siamo molto contenti di poterlo leggere per conoscere la storia del nostro paese. Hanno concluso l´incontro una lettera scritta da un ragazzo di venti anni a una bambina di otto prima di scomparire nella Seconda Guerra Mondiale sul fronte russo e un intervento che raccontava la morte di venticinque soldati italiani a Nassiria in Iraq. Arianna e Lorenzo IIB
la lettura può essere...amabile..

Realizzazione siti web www.sitoper.it