19 Settembre 2020

La gita a Firenze

03-12-2017 21:47 - Scuola Secondaria di Crespina
Un viaggio nell´arte.

La mattina di martedì 28 novembre 2017 le 2° di Lavoria si sono recate a Pontedera per prendere il treno diretto a Firenze.
Siamo partiti da Pontedera alle 8:35 e siamo arrivati a Firenze alle 9:30. Sul treno c´è stata un po´ di confusione nel cercare i posti, il viaggio è stato noioso poiché sul treno, chi ha trovato i posti era isolato. Una volta arrivati a Firenze ci siamo incamminati verso Santa Maria Novella dove i ragazzi della 2°B ci hanno raccontato la sua storia e cosa rappresenta. Successivamente siamo andati a Santa Maria del Fiore dove abbiamo ammirato la cupola e il campanile di Giotto, era molto bello e alto! A merenda abbiamo fatto una piccola sosta in Piazza della Signoria...ci voleva proprio!
Subito dopo siamo andati a Palazzo Vecchio dove abbiamo incontrato una guida che ci ha accompagnati e ci ha spiegato tutto il percorso. La stanza che ci è piaciuta di più, compresa la prof Campani, è la stanza delle mappe geografiche del 400/500. Dopo di tutto questo siamo andati a mangiare la pizza a " Pizzeria Uffizi". Usciti dalla pizzeria ci siamo recati agli Uffizi dove abbiamo visto molte opere d´arte del Rinascimento. È stato molto emozionante!
Soltanto che dopo abbiamo fatto le corse per arrivare al treno perché c´era poco tempo. Siamo entrati nel treno e dopo un viaggio noioso senza posti siamo arrivati " stanchi" a Pontedera dove ci aspettavano i nostri genitori. Questa gita ci è piaciuta molto perché avendo studiato le opere nelle varie materie, è stato come un approfondimento nella realtà:sui libri non è mai bello quanto la realtà e la foto non rende bene le dimensioni.
Lorenzo R.,Cristina, Segita, Lorenzo I. e Giulio, seconda A

Oggi ho conosciuto Giorgio Vasari.

Il giorno 28 novembre i ragazzi delle classi seconde della scuola media "E. Cozzi"sono andati in gita a Firenze.
Tra le altre cose, hanno visitato Palazzo Vecchio in Piazza della Signoria.
Ad accogliere la sezione "B" è stato G. Vasari in persona, che li ha accompagnati nella visita di alcune stanze del Palazzo Comunale fiorentino, una fra tante "La Sala dei Cinquecento".
Ai ragazzi è interessata molto la personalità del Vasari,
un uomo colto, ben istruito, con la passione dell´arte, orgoglioso delle sue opere, molto vicino al potere, orgoglioso di essere grande amico di Sua Eccellenza Cosimo I de´ Medici.
Il Vasari ci ha mostrato una mentalità totalmente diversa dalla nostra, infatti credeva nel "geocentrismo", cioè che la Terra fosse al centro e tutti gli altri pianeti le girassero intorno, ma questo perché nella sua epoca tante cose non si sapevano ancora, pensate che Galilei era, secondo lui, qualcuno che a corte si occupava di musica!
Vasari utilizzava un linguaggio antiquato ma interessante, ha anche mostrato di essere un uomo di parte, Palazzo Vecchio per lui era Palazzo Ducale ed in politica estera era tutto dalla parte dei fiorentini, e questo l´ ha dimostrato con grande orgoglio principalmente con commenti quasi strafottenti per noi "della Compagnia Cozzi", il nome che ha dato alla nostra classe proveniente dalla provincia di Pisa, contro cui i fiorentini hanno vinto molte guerre.
Il Vasari era un bravo attore che ci ha provocato in continuazione,ma ci ha fatto capire quanto cambi il modo di pensare nel corso dei secoli.
Mario, seconda B





Fonte: Serena Campani

Realizzazione siti web www.sitoper.it