31 Ottobre 2020

CARO FIGLIO VORREI LEGGERTI...

11-11-2014 09:11 - Scuola Secondaria di Crespina
Sabato 8 Novembre 2014 Una bella mattinata di letture, racconti e molto altro oggi a scuola con nonni, mamme, babbi ed ex alunni.La scuola si è aperta e le emozioni non sono mancate davvero. Cominciamo con il nonno di Edoardo che ha intrattenuto i ragazzi con le avventure di un bimbo curioso e attratto dagli esperimenti scientifici, ma siccome quest´anno si celebra il centenario dell´inizio della Prima Guerra Mondiale non poteva non ricordare il padre, che la combattè, era un dei "ragazzi del ´99. L´argomento della guerra è stato ripreso da una poesia in romanesco di Trilussa, "Ninna nanna", Le letture sono state tante, belle ed impegnative: sull´etica e i suoi principi, sul bullismo femminile nelle scuole e sul bullismo ed omosessualità. Una mamma ha ricordato la storia del bambino pachistano Iqbal e un´altra ha letto alcune pagine di un racconto bellissimo di W. Borchert, " Di notte i topi dormono". Una pagina sulla Seconda Guerra Mondiale, ambientata in una Germania piena di macerie, a ricordarci che il dolore della guerra non ha nazionalità. Roberta, poi, ha raccontato la propria esperienza di bambina vittima del bullismo, la sofferenza, la fatica di liberarsene e la vita di donna e madre impegnata ad aiutare gli altri come infermiera. Una testiminianza molto intensa, che ha colpito tutti. Oriele e Anita, due ex alunne della scuola, hanno parlato di una vacanza molto particolare, quella con "Libera" in Calabria, dove volontari giovani e meno giovani aiutano i loro coetanei nel difficile compito di far nascere attivtà produttive sulle terre confiscate all´ndrangheta. Un noto pastificio della zona ha spiegato come si fabbrica la pasta, come si riconosce quando è fatta artigianalmente, cosa la distingue da quella che si compra al supermercato. Se il 16 dicembre, infine, non sapete che cosa fare, andate a Lari, al castello e all´imbrunire potrete vedere il fantasma di un giovane assassinato molti anni fa nelle prigioni. I larigiani dicono di vedere la sua ombra e di sentire la sua presenza nelle stanze del castello. Non è cattivo, dicono che ogni anno torni, per ricordare a tutti che la sua è stata una morte ingiusta. Note: La lettura sull´etica e i suoi principi è tratta dal libro di Bruce Weinstein, "E se nessuno mi becca?", Il Castoro,2013 La lettura sul bullismo femminile è tratta dal libro di Sabrina Rondinelli, " Camminare, correre, volare", Edizioni EL, 2008 La lettura sul bullismo e omosessualità è tratta dal libro di James Lacesne, " Trevor", RCS Libri, 2013 La storia di Iqbal è tratta da : Francesco D´Adamo , La Stampa, Agosto 2011

Fonte: Lorenzo Brogi, Lucia Zollo

Realizzazione siti web www.sitoper.it